Il Subentro e la Voltura delle utenze domestiche sono tra le prime cose da prendere in considerazione nel caso di trasloco in una nuova abitazione, ove questa sia già abitata.

Differenza tra Voltura e Subentro

Voltura e Subentro sono due procedure differenti che prevedono specifiche modalità di attivazione.

Si effettua la Voltura quanto il contratto di fornitura e il contatore sono già attivi. Si andrà quindi a cambiare solo l’intestatario delle utenze senza interrompere il vecchio contratto.

Si effettua invece il Subentro quando è presente un contatore ma il contratto precedente è cessato. Il subentro prevede quindi l’interruzione di luce e gas e l’attivazione di un nuovo contratto.

Voltura: quando e come farla

Con la Voltura le condizioni economiche del contratto non cambiano. Sarà quindi il nuovo proprietario o inquilino a valutare la convenienza dei termini contrattuali in base alle proprie esigenze.

La voltura può essere con accollo oppure senza accollo.

Nel primo caso, il nuovo padrone di casa manifesta la volontà di mantenere inalterate tutte le condizioni contrattuali, accollandosi anche eventuali debiti lasciati dall’ex inquilino. Si tratta di una vera e propria successione nella posizione contrattuale. La Voltura con accollo non richiede costi per il trasferimento e può essere richiesta nei casi di successione ereditaria, separazione o divorzio o acquisizione, fusione e modifica dell’intestazione societaria

Nel caso di Voltura senza accollo, il nuovo inquilino decide di cambiare alcune condizioni del contratto (senza però mutarne gli estremi). ln questo caso, il nuovo intestatario non si fa carico di eventuali debiti ed oneri del precedente intestatario, ma deve pagare i contributi e il bollo per il trasferimento, che invece non sono contemplati nel caso di voltura con accollo.

I tempi necessari per effettuare l’aggiornamento dei contratti di luce e gas sono mediamente di 4 giorni. Per ottenere la Voltura del contratto è sufficiente contattare la compagnia di energia che, una volta ricevuta la segnalazione, provvederà a informare il distributore per procedere con l’operazione di Voltura vera e propria.

Subentro: quando e come farlo

Quando il contratto per le utenze stipulato dell’ex inquilino non soddisfa le richieste e le esigenze del nuovo inquilino, il subentro diventa automaticamente la soluzione. Grazie a questo tipo di operazione è possibile sfruttare le proposte commerciali del momento, liberandosi dai vincoli di condizioni contrattuali pregresse e non compatibili con i nuovi ritmi e con le nuove offerte promozionali. Ricordiamo inoltre che il Subentro è una pratica che non prevede accollo:  il nuovo inquilino è sgravato in toto dal pagamento di qualsiasi cifra morosa passata.

Per procedere alla stipula di un nuovo contratto, basterà fornire alcuni dati come il codice POD (identificativo del contatore), il codice PDR (per la fornitura di gas naturale) e il Codice Cliente (situato sul display del contatore).

Share This