Eliminare la polvere dagli ambienti della casa serve a vivere in modo più sano, non solo perché il benessere e la qualità della vita sono strettamente connessi alla pulizia e all’ordine della casa, ma anche perché al disagio della polvere si possono aggiungere allergie e altri problemi al sistema immunitario.

In questo articolo scoprirai qualcosa di più sulla polvere, e soprattutto scoprirai dei rimedi, anche naturali, per eliminarla e ritardarne il ritorno.

Il tipo di polvere che si crea, e anche la sua quantità, dipende molto dal contenuto delle stanze e dalle abitudini di chi vi abita.

La polvere tende a depositarsi instancabilmente su ogni superficie, alimentata da quella presente nell’aria, che entra da porte e finestre e viene portata anche attraverso le scarpe e vestiti.

In generale, spolverare è un gesto quotidiano e la sua routine può essere noiosa, ma che è fondamentale per mantenere gli ambienti salubri e confortevoli.

Ciò che si può cercare di fare è rimuovere la polvere in modo che tenda a ripresentarsi il più tardi possibile.

Le normali pulizie con cui si elimina la polvere, infatti, possono essere affiancate dal buon uso dell’aspirapolvere e dello ionizzatore d’aria.

L’aspirapolvere è l’ideale per pulire a fondo tappeti, cuscini, materassi, moquette e, in pratica, tutta la tappezzeria di casa.

È utile, in realtà, anche per i pavimenti in quanto non sposta la polvere come fa la scopa, ma la cattura definitivamente.

Lo ionizzatore, invece, ha lo scopo di purificare l’aria, eliminando la polvere in sospensione prima che si depositi sulle superfici e vada, pertanto, spolverata via.

Inoltre, è bene ricordarsi che esistono dei ricettacoli di polvere destinati ad essere dei punti critici da tenere d’occhio.

Si tratta delle superfici superiori di tutti i mobili, difficili e scomode da raggiungere; le pale dei ventilatori da soffitto, nelle stagioni fredde; tutti i peluche dei vostri bambini; le fessure tra i tasti del PC; i termosifoni e le stufe, che con il calore propagano una grossa quantità di polvere nell’ambiente; i filtri dei condizionatori d’aria, che periodicamente vanno igienizzati; le superfici sotto i mobili e i letti; i lampadari.

La pulizia straordinaria di questi punti renderà l’aria immediatamente più fresca e pulita, e soprattutto aiuterà moltissimo a raggiungere l’obiettivo di un accumulo di polvere più lento sulle superfici che vediamo e usiamo normalmente.

Esistono anche altri trucchi, anche metodi naturali e facili da applicare, per pulire la polvere e ritardarne il ritorno.

Tra i trucchi più utilizzati, per cercare di ritardare la comparsa della polvere, c’è l’utilizzo di salviette specifiche, a seconda della superficie da pulire. Ad esempio, per le superfici in legno si consiglia l’uso delle salviette che al tempo stesso nutrono e lucidano le superfici. La salvietta, essendo umida, impedisce alla polvere di propagarsi nell’aria, catturandola.

È possibile anche ridurre il ricorso a prodotti chimici e potenzialmente aggressivi, dando spazio a rimedi naturali, come: il bicarbonato di sodio, l’aceto di vino bianco oppure l’olio essenziale di limone che, se addizionati con acqua tiepida, formano un detergente sicuro e naturale, per mobili e pavimenti. Questi detergenti naturali hanno anche un’azione antibatterica, combattono quindi l’annidarsi di germi, batteri nonché insetti.

Infine, numerosi oggetti di uso comune potrebbero trasformarsi in vostri insospettabili alleati, per raggiungere i punti più difficili.
Ad esempio: cotton fiocpennellivecchi calzini e spazzolini possono contribuire efficacemente alle vostre pulizie, aiutandovi a raggiungere gli angoli più ristretti e dimenticati in cui, siamo certi, troverete una grande quantità di polvere da eliminare!

Ti è piaciuto questo articolo? Non dimenticarti di farcelo notare con un commento qui sotto, e ricordati di iscriverti ai nostri canali Facebook e Twitter!

Share This